Glenn Cooper – La biblioteca dei morti


NORD_bibliotecadeimorti_coverLa biblioteca dei morti non è solo un thriller ad alta tensione è anche un’ipotesi che mette i brividi e fa nascere nel lettore un sospetto dopo il quale niente sarà come prima. Uno dei romanzi meglio congegnati che mi sia capitato di leggere in 10 anni e più di rubrica” A. D’Orrico magazine – Corriere della Sera

Il romanzo rivelazione di Glenn Cooper, fenomeno editoriale con oltre 1.500.000 copie vendute solo in Italia nel 2009. Dopo aver scritto “The library of the dead” Cooper scrisse altri 2 libri sviluppando “The library of the dead. Trilogy” con “Il libro delle anime” e “I custodi della biblioteca“, ognuno di questi libri è correlato ad un’illustre figura, nonché protagonista della trilogia, Will Piper, un’agente speciale dell’FBI. Restringendo così il campo d’azione e, introducendoci nel cuore del romanzo si avverte immediatamente, dalle prime pagine, un clima di terrore piuttosto misterioso; in quanto: “A New York un serial killer semina morte e terrore. Le ultime non si conoscono, non hanno niente in comune. Eppure un mistero lontano collega i loro nomi. Nel deserto del Nevada, nel laboratorio operativo più misterioso del mondo, in una stanza a dodici piani di profondità, c’è un’archivio, una biblioteca. L’autore di quell’opera, Octavius, era un ragazzo con peculiari e sinistri poteri, in particolare aveva un potere: conducendo la sua mano sulla pergamena, riusciva a compilare un lungo elenco di nomi e date”.

Dalla lettura si può desumere come i romanzi dello scrittore statunitense siano spesso radicati in eventi storici del passato. Inoltre, ognuno dei suoi libri fa luce su grandi tematiche filosofiche. I suoi libri esplorano generalmente tematiche inerenti al destino e alla predestinazione, alla natura del male, alla concezione della vita oltre la natura terrena e materialista arricchendo tali pensieri con fede e scienza.

Ci auguriamo come sempre di aver stimolato il vostro interesse e la vostra curiosità. Buona lettura !!!

 

Lucia Cencia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *